Cinelover's Blog

Solo un altro stupido blog dedicato al cinema

Million Dollar Baby

Posted by Emanuel Righetto su ottobre 5, 2005

Million Dollar Baby

Quattro premi Oscar.
Tutti meritatissimi.
Lo metto accanto a Mystic River e Un Mondo Perfetto, i miei film di Clint Eastwood preferiti.

Hilary Swank ha dato il meglio di sé sia sul ring che sul letto d’ ospedale. Molto donna anche con bicipiti da boxeur: che gambe! La solita perdente in cerca di riscatto che sembra aver finalmente trovato il bandolo della matassa ma quando si presenta alla cassa per riscuotere il suo credito con la vita la vita le dà il ben servito. E’ allora che Maggie dimostra quanto è vincente sul dolore e sulla famiglia di avvoltoi che si ritrova.

Clint Eastwood ci mette la faccia e ne viene fuori il ritratto del nonno cazzuto, protettivo, velenosamente ironico, credente ma mangiapreti che tutti vorrebbero avere ma che pochi hanno la fortuna di avere.
Ha mescolato sapientemente gli ingredienti morte ingiusta e voglia di riscatto che accomunano Mystic River e Un Mondo Perfetto, ne viene un film che come gli altri due procura profondamente sdegno e dolore compassionevole.

Morgan Freeman con la pancetta e i calzini bucati è un personaggio che ti è simpatico fin dalla prima scena. La sua saggezza di pugile fallito mi ha fatto tornare in mente gli insegnamenti dello sceriffo Wyle Burp in Fievel Conquista il West. Forse condizionato dal fatto che la voce è la stessa, Renato Mori ha il suo perché.

E parlando di doppiatori Laura Lenghi, la voce di Hilary Swank, si merita una standing ovation per come è riuscita a rendere credibile la paralisi di Maggie. Un grande Adalberto Maria BILL Merli, voce di Clint Eastwood, tanto sadico nelle vesti di David Corradine in Kill Bill quanto paterno in Frankie Dunn.

3 Risposte to “Million Dollar Baby”

  1. Flags of our Fathers

    Un Clint Eastwood in formissima dirige la sceneggiatura di Paul Haggis (il regista di Crash, contatto fisico). Tutto ruota intorno alla fotografia scattata da Joe Rosenthal il 23 febbraio 1945 sull’ isola di Iwo Jima, teatro di crudelissimi scon…

  2. […] Bowie. Scarlett Johansson chiamata a fare la musa, non mi è parsa all’altezza delle varie Hilary Swank o Carrie Ann Moss. La trama, per non rovinare a nessuno il gioco dell’intreccio, si può […]

  3. […] che si è già fatto notare per Crash – Contatto fisico ma soprattutto per aver sceneggiato uno dei migliori Clint Eastwood non si fa carico della responsabilità di indicare chi, mutata mutandis, secondo lui sia, oggi, […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: