Cinelover's Blog

Solo un altro stupido blog dedicato al cinema

Bound – Torbido Inganno

Posted by Emanuel Righetto su novembre 1, 2005

BoundSi tratta della prima regia dei fratelli Wachoski, il secondo film in cui Gina Gershon mette i panni della lesbica.
La giovane Corky (Gina Gershon), che per sbarcare il lunario si adatta a fare l’idraulico, si reca per un lavoro in un lussuoso appartamento di Chicago. Nell’ascensore incontra Violet (Jennifer Tilly), la donna di Ceasar (Joe Pantoliano), delinquente di medio calibro dedito per conto della mafia al riciclaggio del denaro sporco. Tra le due ragazze scocca la scintilla della reciproca attrazione, che ben presto si tramuta in un vero rapporto fisico. Quest’incontro imprevisto sconvolge la vita di Violet, che decide di cambiare vita e interrompere i propri legami con la malavita. Ma per fare questo chiede aiuto a Corky. Violet sa che Ceasar deve consegnare al boss Gino Marconi due milioni di dollari nascosti nell’appartamento e propone a Corky di rubarli, dopodiché insieme potranno fuggire libere e ricche. Le due ragazze preparano un piano, rubano il denaro, ma alla fine Ceasar scopre il furto e prepara una feroce vendetta. Solo grazie ad una consumata prontezza di riflessi e all’istinto di sopravvivenza, Violet e Corky riescono a restare vive, forse libere ma povere.
La critica ha stroncato il film a causa della scena di sesso lesbo troppo spinta, la troppa violenza gratuita e il ricorso a numerose inquadrature ad effetto. Proprio questi tre aspetti, secondo me, consacrano il film ad un monumento del b movie. Questo thriller, che ha dato ai fratelli l’ occasione di girare The Matrix, è stato prodotto da Dino De Laurentiis e rappresenta una commistione tra atmosfere da gangster movie e humour nero. Per certi versi ricorda molto Pulp Fiction di Tarantino. Come non citare il bagliore dello sparo della pistola o le cesoie, con cui tagliano le dita al debitore, inquadrate a tutto campo e subito dopo le enormi goggie di sangue che cadono nella tazza del cesso?
Gina Gershon, già avvezza dopo l’ esperienza Showgirls a baciare donne, e Jennifer Tilly, che io conoscevo solo per le sue numerose apparizioni senza veli su Playboy, sono a loro agio nei panni delle amanti clandestine ma ciononostante la loro interpretazione è abbastanza legnosa. Resta il fatto che senza vestiti, comunque hanno il loro perché.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: