Cinelover's Blog

Solo un altro stupido blog dedicato al cinema

Truman Capote: a sangue freddo

Posted by Emanuel Righetto su settembre 28, 2006

a sangue freddo Bennet Miller riesce a raccontare con successo, attraverso gli occhi di Truman Capote, l’ autore di Colazione da Tiffany, la nascita di un nuovo genere letterario: il non-fiction novel ovvero il romanzo verità. Il giornalista del New Yorker nel 1959 abbandona i salotti newyorkesi e migra nelle pianure del Kansas, dove viene accolto come un alieno, per indagare e scrivere del brutale sterminio di una famiglia per mano di due psicopatici poi condannati a morte.

Va riconosciuta al regista l’ abilità di essere riuscito a far trasparire il fascino che esercita il MALE e il narcisismo che accomuna tutte le personalità geniali.

Philip Seymour Hoffman ha co-prodotto il film e ha impersonato il ruolo principale: il risultato è ottimo e gli è valso pure un Oscar per l’ interpretazione.

Sarei curioso di sentire l’ audio originale perché il doppiaggio propone un super team composto da Roberto Chevalier, Fabio Boccanera, Michele Gammino, Loris Loddi che producono un effetto davvero coinvolgente.

Dopo la visione di questo film però Carrie Bradshaw di Sex and the City non mi pare più un personaggio così innovativo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: