Cinelover's Blog

Solo un altro stupido blog dedicato al cinema

Borat – Studio culturale sull’America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan

Posted by Emanuel Righetto su marzo 28, 2007

“Borat”, il film, è infine uscito in Italia: con molto ritardo rispetto ad altri paesi dove era stato un fenomeno l’anno scorso, ma con lo stesso successo. Borat è il nome del protagonista di un falso documentario, in cui il comico inglese Sacha Baron Cohen finge di essere un giornalista del Khazakhstan in visita negli Stati Uniti per conoscere il paese, creando così spettacolari e imbarazzanti conflitti tra la cultura locale e la sua.
Le ragioni del successo del film sono molte, riassumibili in una: è un film in cui spettatori molto diversi trovano ragioni molto diverse per divertirsi. Il pubblico abituato ai film comici un po’ grevi si ammazza dal ridere quando il protagonista adotta costumi di insuperabile volgarità spacciandoli come tipici della sua terra. Il pubblico più acuto coglie l’ironia nel disegnare alcune assurdità delle nostre società occidentali. Gli antiamericani vi vedono una satira contro l’America, i filoamericani notano il formidabile garbo e la condiscendenza con cui gli eccessi di Borat vengono accolti in nome della tolleranza per il diverso. Lo spettatore democratico ride di come sia presa in giro e resa caricatura la figura del razzista ignorante, mentre lo spettatore più ignorante non si accorge che è una presa in giro e ride delle battute razziste. Potrebbe non piacere solo a dei bacchettoni che lo prendessero sul serio e a cui sfuggisse l’ironia.
Infatti, ha ricevuto molte critiche.

Luca Sofri

La nazione kazaka e il governo sono insorti in massa per lo sberleffo ma sul Guardian ho letto che il turismo verso il Kazakhstan dopo Borat è aumentato del trecento per cento. Non tutto il male viene per nuocere.
Il doppiatore italiano è Pino Insegno e sembra che sia stato lo stesso attore inglese a scegliere chi dovesse doppiarlo nelle varie lingue. Io l’ho trovata una scelta azzeccata.
Un successo annunciato: in Italia è stato promosso perfino nei cessi. La leggenda vuole che Sacha Baron Cohen fosse stato invitato a consegnare una statuetta alla notte degli Oscar, ma che abbia rifiutato perchè non gli era stato consentito indossare i panni di Borat.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: