Cinelover's Blog

Solo un altro stupido blog dedicato al cinema

Archive for giugno 2007

I figli degli uomini

Posted by Emanuel Righetto su giugno 23, 2007

I figli degli uomini Il film Y tu mama tambien con cui ho conosciuto il regista Alfonso Cuaròn mi aveva convinto che Harry Potter e il prigionierio di Azkaban fosse stato solo un gioco con cui aveva voluto misurarsi. Ma sul piatto della bilancia ora c’è anche questo I figli degli uomini. I film di fantascienza non sono proprio il mio genere preferito per cui sospendo il mio giudizio. Però va riconosciuto che la regia è di ottima qualità, la scelta di utilizzare quasi sempre riprese in steadycam rende moltissimo, e Michael Caine più invecchia e più è affascinate. La vicenda racconta di un Londra proiettata nel 2027 alle prese con l’infertilità totale: nessuna donna può più avere figli. Protagonisti di quel futuro non molto lontano, secondo Phyllis Dorothy James autore del romanzo da cui è tratto il film, sono la xenofobia e il terrorismo, il doppiogiochismo e la depressione. Eroe e al contempo anti-eroe è Theo (Clive Owen) che si immola per l’incolumità dell’unica giovane che porta in grembo una vita. Leader dei contestatori del governo è Julian (Julianne Moore) che per una lotta intestina viene uccisa dai suo stessi compagni ribelli. Ma il personaggio meglio riuscito è l’ironico post-hippie Jasper (Michael Caine) che coltiva cannabis al gusto fragola e ascolta le canzoni della contestazione giovanile anni ’60 (Ruby Tuesday dei Rolling Stones, Bring on the Lucie di John Lennon, Hush dei Deep Purple).

Annunci

Posted in Movies | 1 Comment »

La sconosciuta

Posted by Emanuel Righetto su giugno 10, 2007

La sconosciutaGiuseppe Tornatore aveva da farsi perdonare l’incidente Malèna, un film inutile costruito sulle tette di Monica Bellucci, e si direbbe che ci è pure riuscito. Non ai livelli di Nuovo cinema Paradiso o La leggenda del pianista sull’oceano ma comunque un ottimo compromesso tra l’esigenza di riempire la sala e il dovere di fornire contenuti che non offendano l’intelligenza dello spettatore.
Anche La sconosciuta, come Malèna, è sostenuto dal corpo di una donna, la bella russa (esordiente in Italia) Xena Rappoport. Con la differenza che stavolta la sua non è una presenza ingombrante, e fine a se stessa, che toglie credibilità al film. Interpreta una ex prostituta ucraina che fugge dei suoi aguzzini alla ricerca di una figlia che le è stata tolta. Quando pensa di averla ritrovata non si ferma davanti a nulla, non si fa scrupoli nemmeno a sporcarsi di sangue pur cullare il sogno di una felicità possibile. Ottimo cast: Pierfrancesco Favino, Claudia Gerini, Alessandro Haber e Michele Placido a sostegno di un thriller che nel finale vira indiscutibilmente verso il noir. Emozioni forti sia nelle scene in cui la protagonista cimenta il legame speciale con la presunata figlia, sia quando viene assalita dai fantasmi del passato rappresentati da flashback delle violenze subite nella sua passata esperienza di prostituta.

Posted in Movies | 1 Comment »

L’amico di famiglia

Posted by Emanuel Righetto su giugno 3, 2007

L'amico di famigliaQuando a suo tempo vidi il trailer di questo film non mi entusiasmò nemmeno un poco. Mi sono ricreduto. Paolo Sorrentino ha creato un opera a dir poco geniale, che gioca sui simbolismi ed è metafora delle nostra società dove a farla da padroni sono i furbetti del quartiere e le veline. Girato tra Sabaudia e Latina gioca a spesso a prendere in giro la pomposa architettura fascista nelle luminosissime scene d’esterno mentre gli interni sono sempre molto scuri e pacchiani.
E’ la storia di Geremia, sarto sessantenne, che per “aiutare il prossimo” fa lo strozzino. Il suo personaggio è volutamente laido e repellente. Il mito dei B Movie, Giacomo Rizzo, gli dà corpo. L’usuraio porta avanti la sua meschina vita dipingendosi, agli occhi delle vittime, come benefattore, salvo poi mazzolare di brutto di inadempienti, fino a che non si innamora perdutamente di Miss Agro Pontino, la bella e astuta Laura Chiatti.
Finale non proprio inedito, vedi Il genio della truffa di Ridley Scott, ma comunque inaspettato.
Colonna sonora originale di Theo Teardo, a tratti ruvida e sporca come il film richiede, ma trovano posto anche Antony & The Johnsons con la dolcissima My Lady’s Story. Vale la pena ascoltarla anche da sola questa colonna sonora.

Giudizio: IMPERDIBILE. A Tarantino che dice “il cinema italiano fa pena” fate vedere questo.

Posted in Movies | 1 Comment »